Istituto Comprensivo "Giosuè Carducci"
Scuola Secondaria di Primo Grado
Viale Europa, 98   (33054) Lignano Sabbiadoro (Udine)
Tel 0431 71291 -  Fax 0431 721935
 [Home] [Su] [Lagune Friulane] [Risorgive] [Altre zone] [Glossario]

bullet

Le Risorgive

[fiumi di risorgiva]

notizie generali 

bullet
Introduzione
bullet
Le polle di risorgiva
bullet
La linea delle risorgive
bullet
La falda acquifera
bullet
Le acque di risorgiva
bullet
La vegetazione

Introduzione

 << La venuta a giorno delle acque sotterranee, che nel Friuli formano l'estrema propagine orientale, è un fenomeno costante lungo tutto il piede meridionale della Catena Alpina. 
    Chiamate con differenti nomi, "sortumi" in Piemonte, "fontanili" in Lombardia ed infine "risorgive" in Veneto ed in Friuli, esse si manifestano in maniera più frammentaria anche sulla destra orografica del fiume Po (Pavese, Parmense e Bolognese). 
    Si tratta di un fenomeno di vaste proporzioni che interessa in forme più o meno marcate l'intera Pianura Padana, delimitando il passaggio dalla coltre ghiaiosa permeabile dell' Alta Pianura, ai sedimenti sabbioso-argillosi pressoché impermeabili della Bassa Pianura. 
    In Friuli, l'affioramento delle acque sotterranee noto con il nome di "Linea delle risorgive", individua sulla superficie topogafica una fascia piuttosto marcata, suscettibile di modeste oscillazioni legate a variazioni di apporto idrico della falda freatica. 
    Essa si snoda da Polcenigo, ai piedi del monte Cavallo, proseguendo con andamento sinuoso a prevalente direttrice ovest-est, sino a Codroipo. Da qui s'inoltra ad oriente seguendo una direttrice sorprendentemente rettilinea, rilevabili anche da semplici cartine geografiche. Non a caso infatti i centri abitati quali Codroipo stesso, Passariano, Lonca, Bertiolo, Virco, Flambro, Talmassons, per limitarci al bacino orografico del fiume Stella, sono intercettabili da una linea che in passato delimitava i terreni "fruibili dall'uomo", dai malsani ed infidi acquitrini formati dalle acque risorgenti ....>>. 

inizio

Le polle di risorgiva


   << La paludosità della zona, estesa in passato a migliaia di ettari ed ora ridotta a pochi lembi residuali, è legata alla presenza delle numerose piccole polle di acqua sorgiva da cui si origina lo Stella come gli altri fiumi di risorgiva: il Varmo, il Turgnano, l'Ausa, il Corno ed il Natissa. 
    Queste risorgive vengono suddivise, in base alla loro forma, in Olle, dai limiti ben delineati, a volte subcircolari e spesso riunite in gruppi; Fontanili in cui la fuoriuscita dell'acqua è marcata dalla presenza di cavità più o meno profonde e spesso riunite da piccoli fossati; Affioramenti quando l'acqua viene a giorno attraverso le ghiaie senza originare strutture particolari>>. 
    << Spesso l'emissione dell'acqua è accompagnata dalla fuoriuscita di bolle d'aria la cui origine va certamente ricercata nei fenomeni di putrefazione a carico di depositi organici, soprattutto vegetali >>. 

inizio

La linea delle risorgive

    << Tutte queste sorgenti sono posizionate in un'area geografica ben delineata, il cui limite settentrionale è costituito dalla "linea delle Risorgive". Essa corre parallelamente alla "Stradalta", l'attuale statale napoleonica che da Palmanova porta a Codroipo, per spingersi poi fino a Pordenone e chiudersi in corrispondenza delle sorgenti del Livenza presso Polcenigo. Il limite meridionale, più irregolare, è posto pochi chilometri più a Sud. L'ampiezza della fascia delle risorgive è quindi piuttosto variabile, passando da un massimo di 6 km presso il Tagliamento ad un minimo di 2 km a Sud di Castions di Strada >>. 
   << Limitandosi al bacino dello Stella la lunghezza dell'area di alimentazione è di circa 15 km per una larghezza media di circa 5 km, ma aree di risorgiva sono poste anche in settori estremi a questa fascia. 
    Benché la "Linea delle Risorgive" costituisca una struttura unitaria in tutto il Friuli, interrotta solo dal F. Tagliamento, le sue caratteristiche sono diverse ad oriente ed occidente di questo fiume. Mentre in provincia di Udine le aree delle risorgive appaiono, o lo erano in origine, molto paludose in conseguenza delle innumerevoli piccole sorgenti presenti, nel Pordenonese, perlomeno per quel che riguarda il bacino del Cellina, le venute a giorno di acque sono più cospicue ma meno numerose originando subito alvei ben delimitati e non concorrendo quindi alla formazione di estese aree umide >>. 

inizio

La falda acquifera  

<< La presenza nell'Alta Pianura di sedimenti soprattutto grossolani e quindi notevolmente permeabili, fa sì che sia le acque meteoriche che quelle trasportate dai fiumi tendono a penetrare nel terreno ed alimentare quella che viene definita "falda" e che si trova, per esempio, a circa 40 - 60 metri di profondità sotto la città di Udine. 
    La falda acquifera è costituita non da "fiumi sotterranei" ma semplicemente da settori in cui i vuoti presenti fra gli elementi ghiaioso-sabbiosi sono saturati dall'acqua mentre questi stessi sedimenti poggiano su un substrato impermeabile , generalmente argilloso. Questa situazione si ripete più volte nel sottosuolo, così che si hanno più livelli di falda a profondità diverse ed alimentate non più dalle acque meteoriche quanto da tributi da parte dei fiumi (per quel che riguarda il settore ad occidente di Udine soprattutto da parte del Tagliamento). 
    L'andamento della falda sotterranea è ben conosciuto anche grazie ai pozzi che vengono perforati per il suo sfruttamento. Essa è localizzata a circa 30 metri di profondità fra Campoformido, Pozzuolo e Basiliano fino a "risalire" gradualmente: meno di 10 metri a Nord di Bertiolo e pochi metri di profondità a Codroipo. 
    Alla "emersione" della falda nella fascia Codroipo-Mortegliano è proprio legata la "Linea delle Risorgive" con tutti i fenomeni ad essa connessi....>>. 

inizio

Caratteristiche delle acque di risorgiva  


<< Le acque di risorgiva sono caratterizzate da una temperatura quasi costante durante tutto l'anno e che oscilla attorno ai 13° con minimo attorno ai 10° e massimo attorno ai 16°, estremi che vengono però raramente toccati; se ciò avviene si hanno comunque ritardi consistenti, variabili fra i 2 ed i 4 mesi, con le stagioni rispettivamente più fredde e più calde così che l'acqua di risorgiva è più calda in ottobre e più fredda in aprile. 
    Il fatto è conseguenza dell'enorme bacino di alimentazione sotterraneo cui le risorgive fanno capo: la falda che le alimenta trae origine da perdite del Tagliamento già nella zona di Dignano e questo fiume è l'unico tributario per quanto riguarda la zona occidentale e centrale dello Stella mentre quella orientale risente dell'influsso anche del bacino del Cormor. 
    All'ampiezza del bacino di alimentazione cui fa capo lo Stella è legata anche la relativa costanza della portata (mediamente circa 50.000 mc) di questo fiume che risente solo in minima parte dei fattori meteorologici. Calcoli puramente indicativi mostrano come la falda che fa capo all'area dalle risorgive sia in grado di alimentare quest'area di emergenze per quasi mille giorni senza che vi siano tributi esterni...>>. 

inizio

La vegetazione

   Lo studio della vegetazione 
    << La vegetazione naturale di un territorio è il frutto di complessi equilibri che si instaurano e si evolvono nel tempo fra fattori climatici, edafici (concernenti il suolo) e piante. Esse reagiscono alle sollecitazioni dell'ambiente fisico organizzandosi in comunità aventi una composizione fluoristica ben definita, di notevole stabilità nel tempo. Tali comunità, conosciute con il nome scientifico di fitocenosi o associazioni vegetali, sono caratterizzate dalla dominanza di alcune specie (specie edificatrici) o dalla costante presenza di altre (specie caratteristiche) e rappresentano le unità elementari secondo le quali è strutturata la vegetazione di una regione. 
    Ogni fitocenosi è individuata da un nome scientifico (ad esempio Erucastro-Schoenetum nigricantis), che generalmente affianca due specie che meglio ne riassumono le peculiarità ecologiche, fitogeografiche o fisionomiche (nell'esempio precedente Erucastrum palustre e Schoenus nigricans). 
    Attraverso l'analisi della vegetazione si giunge a individuare e descrivere le componenti fondamentali del paesaggio vegetale, che sono appunto le fitocenosi, in modo da poterne definire l'ubicazione, l'estensione, la frequenza e talvolta anche il pregio naturalistico....>>. 

  La vegetazione delle risorgive 
    << Il paesaggio vegetale delle risorgive si compone dunque di molteplici aspetti, fra i quali si possono evidenziare alcuni particolari significativi. 
    All'interno dell'infossatura sorgentifera si riconoscono tre fasce concentriche che presentano tipi diversi di vegetazione in rapporto alla diversa disponibilità idrica: il marisceto o vegetazione del fontanaio, il giuncheto a erucastro o vegetazione della torbiera e infine il molinieto o vegetazione del prato umido. 
    Accanto a queste, che sono le principali fitocenosi erbacee, ricordiamo ancora fra le formazioni arbustive il saliceto misto e fra quelle arboree il bosco ripariale a pioppo nero e salice bianco ed il bosco a farnia e carpino bianco o querco-carpineto, massima espressione della complessità organizzativa cui perviene la vegetazione della bassa pianura friulana >>. 

inizio pagina

[Precedente] [Successiva]

Ultimo aggiornamento: 28-giu-2004